La California non è tutta ricchi premi e cotillons

Ieri sera ho visto The Informers. Che è in film di Gregor Jordan. Gregor Jordan chi? Direte voi. Gregor Jordan nessuno. E infatti non l’avevo mai sentito nominare, come del resto non conoscevo il film. Il che è strano, perché è recente, del 2008, e perché c’è un bel cast di attoroni. E’ tratto da una raccolta di racconti di Bret Easton Ellis, ed è ambientato negli anni ’80, come capisci immediatamente a causa delle pettinature, visto che, come tutti ricordiamo, gli anni ’80 hanno prodotto di quelle permanenti ossigenate all’uranio impoverito che consentono in un nanosecondo di collocare cronologicamente un testo filmico senza paura di sbagliare. Non so dire con chiarezza che effetto mi abbia fatto il film. Non particolarmente sensibile, direi, visto che quando sono partiti i titoli di coda ero ancora lì che aspettavo che iniziasse. Nel senso che per due ore avevo visto susseguirsi ininterrottamente una serie di premesse che attendevo con fiducia che qualcuno si decidesse a sviluppare, prima o poi. Mi è andata male – ve lo dico nel caso vi venisse in mente di cercarlo, così vi prevengo la delusione – però malgrado questo non posso dire che sia stata una zozzeria inguardabile. Aveva una sua feroce inclinazione a descrivere senza ricami l’asprezza del vuoto esistenziale, che in fondo non era male.

Al di là del giudizio estetico sul film,  comunque, la riflessione che mi ha ispirato è stata un’altra, ed è la seguente: non so esattamente cosa abbiano fatto di male gli anni ’80 a Easton Ellis, e perché ce l’abbia tanto con loro. Magari gli è capitato qualche brutta avventura e ancora oggi fatica a riprendersi. Però, se posso dare un consiglio, direi che che sarebbe arrivato il momento di andare a farsi qualche seduta di analisi con uno bravo e cercare di superare il trauma, perché onestamente a un certo punto basta che basta. Sennò, francamente, sono proprio due palle così. No?

info

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...